sabato 2 febbraio 2008

I dolori del giovane Waller


IV lettera


Dalla mia stanzetta, Bayern di Monaco, 16 dicembre 1797


Jacopo, amico mio, alla notizia delle tue sventure gli intestini mi si sono arravugliati come i capitoni la sera di Natale. Le tue disgrazie mi arrecano profondo dolore, e si sovrappongono alle mie, ugualmente sfaccimmose. Sappi infatti che mammà mi ha rinchiuso nella mia cameretta dopo avermi riempito di buffi, e mi ha sequestrato pure tutti i pazziarielli. Anche il pupazzo Armando, sì proprio quell'Armando che tu mi regalasti, pegno di amicizia, al mio trentesimo compleanno. E mo che sale papà piglio pure il resto. Ahimè, o Jacopo, sicuramente mi arricorderò questa jurnata funesta p' quant' camp' !Ma che reato mai ho commesso? Perchè siffatte iniquità sono perpetrate ai miei danni? Mi domando quando il fato, chillu rutt' e mazz', la smetterà di essermi avverso, e mi darà un segno della sua benevolenza facendomi chiavare a una.Ma basta con i lamenti, caro amico, che teniamo un'età e non siamo fatti criaturi: voglio spiegarti la causa di tanta sventura, acchè tu possa stringerti a me in un abbraccio ideale, in modo che io possa sfogarmi piangendo come a un femminiello e soffiandomi il naso nella camicia fresca lavata.Come ti scrissi juorni fa, anch'io da oggi avrei dovuto cominciare a faticare. E infatti avrei tanto voluto: ricordo di essermi svegliato carico di buone intenzioni, ma appena ho visto il bancone della salumeria ho cagnato subito capa. Sono fuggito, Jacopo, sono fuggito comm'a na saetta, incurante delle urla di mammà. Tuorn' arret', ind'o sang' e chi t'è 'mmuort! - strillava, annanz' ai clienti che si facevano le croci con la mano mancina - Vien' a' fatica, uè chin'e' corna! - . Non immagini lo scuorno, tutta la gente mi indicava, rideva e si toppetiava, e un bambino, con atto fulmineo, mi ha messo uno sgambetto. Ho acchiappato il palo della luce proprio ind'e' siens', proprio lì, ammiezz'a l'uocchi, dove solevi sputarmi quando eravamo fanciulli, e sono caduto svenuto, a quattro di bastoni ammiezz' a' via. Povero Waller, dirai, con tono ricchione, ma sappi che le disgrazie non sono finite. Mi sono infatti risvegliato nella salumeria, già con il grembiule n'cuollo, e mammà mi ha ordinato di spicciare le clienti se no mi cecava l'uocchi a sputazzate. Rassegnato al mio destino ho cominciato a tagliare il furmaggio di crapa vecchia, ma il curtiello affilato mi è scappato. Il fato, pozz'jittà o'sangue, il mio fato malefico ha fatto sì che il curtiello, come guidato dalla mano di un camurrista 'ncazzuso, si conficcasse n'panza a nu criaturo che stava nel passeggino. Il sangue scorreva copioso, il criaturo piangeva e la mamma è pure svenuta. Dico io, sti cazz'e femmene: per un poco di sangue che vedono, fanno sta jacuvella tutte le volte. A me il sangue non mi fa schifo, giuro: a me mi fanno schifo solo i ragni, i frungilli e a'nonna Franceschen, che tiene la dentera che fa rumore quando mangia.Nun te dico che è succiesso nel negozio: nu burdell'e' fine e'munno, femmine che alluccavano, gente che traseva, due uagliunastri si so'fottuti pure la murtadella grossa, che mammà ancora s'a chiagne. Finalmente il criaturo è jittat' o sangue mo e per sempre, ed io mi sono rasserenato: la giornata poteva tornare a fare il suo corso, e magari, a ora e'pranzo che c'è meno gente, ci scappava pure na bella pugnetta da sotto il grembiule, che tanto quello è bianco e nun'se vere niente. Ma no, il solito destino m'è cacat'o' cazz': è trasuto nel negozio un guardio, che si voleva accattare una marenna, e si è accorto che era successo Montevergine là dentro. Prima ha alluccato a tipo film americano, poi ha sparato due colpi in aria per spararsi una bella posa. Ma è comprensibile, Jacopo caro: ci stavano le femmine che piangevano, se si vendeva la storia del tutore dell'ordine, è cazz' che o'facevano chiavà buon' e meglio per senza soldi.Comunque quando ha capito che era successo, mi ha pigliato di peso, e, in modo rude mi ha chiavatto un cazzuttone fermo. Mi è uscito il sangue pure a me (n'terra al negozio ce steva nu cesso proprio), e io per difendermi ho provato a rancicare e muzzicare comm' a na jatta, ma senza successo: infatti mi ha messo le manette e mi ha condotto al tribunale. Il giudice ha detto che sono una scarda di cesso, e che non servo manc' o'cazz, e che se fosse per lui i ribusciati come a me li metterebbe in galera, mica li farebbe fare i salumieri o i politici. Ma comunque mammà gli ha promesso che gli astipa le aulive sott'uoglio, quelle che sò tipiche tedesche proprio, e lui è stato clemente: mi ha condannato a una settimana di libertà vigilata da una crapetta, che mo sta in camera con me, e mi guarda con aria incazzosa. Penso che solo che mi muovo mi chiava 'na curnata in panza che mi fa uscire i polmoni per vocca e gli intestini per culo.Sono qui che scrivo, Jacopo, e attendo papà che sale, che sicuro appena sa che è succiesso mi scuce il mazzo a botta di cavuci e mi leva i pure i videogiochi. Ma per fortuna ho te, amico, che patisci per le mie sofferenze manco fosse una puntata di "Sentieri".Ora ti lascio Jacopo. La crapa si è addormentata, ed ora lo farò anch'io. Anzi, mo che ci butto un uocchio, sotto la coda sta crapetta tiene un bel pertuso. Sai, mi sta venendo in mente una fantasia...

Un abbraccio fotte fotte dall'amichetto tuo toppo toppo caro
Il giovane Waller

3 commenti:

Vix ha detto...

La prima a commentare questo grande capolavoro *_* che emozzzione... siete grandi, io non so perchè non avete ancora cercato un editore che vi promuova... I miei migliori auguri, alla prossima lettera!

NattyD ha detto...

m'facit' stà tropp' buon' :)

alessandro ha detto...

Grandi!
Ma non scrivete più?